• Menu
  • Menu
Pietra di Bismantova

PIETRA DI BISMANTOVA: 5 CURIOSITÀ CHE FORSE NON SAPEVI

La Pietra di Bismantova è uno dei luoghi più iconici dell’Appennino Reggiano. Potremmo definirlo il Battesimo del Trekking di ogni bambino emiliano.

Io per prima ho ricordi di questo luogo già dalla mia infanzia. E forse anche tu che stai leggendo penserai di conoscere la Pietra come le tue tasche.

E se invece ti dicessi che ci sono tantissime curiosità che non tutti conoscono?!

Leggi tutto l’articolo e scopri quante di queste conoscevi già!

1. La Pietra di Bismantova: un’origine subacquea

Prima curiosità: come mai la Pietra di Bismantova spicca come un monolite roccioso in mezzo alle colline erbose di Castelnovo ne’ Monti?

La sua forma così particolare è la conseguenza del suo passato geologico.

La sua formazione è davvero molto antica: è avvenuta circa 16 milioni di anni fa, quando il nostro territorio era ancora occupato dal Mare Adriatico.

La roccia della Pietra di Bismantova si è formata per la sedimentazione e la cementazione di sabbie nelle profondità di antichissimi fondali marini.

Dal punto di vista geologico, è classificata come biocalcarenite, proprio perché all’interno di queste sabbie sono presenti numerosissimi resti fossili di microrganismi marini.

Tra i più facilmente distinguibili abbiamo: gigli di mare, ricci di mare o tracce del loro passaggi e addirittura denti di squali.

La biocalcarenite della Pietra di Bismantova

2. L’Eremo e il grande Albero Monumentale

Seconda curiosità, ma forse questa la sai: ai piedi della Pietra si erge dal 1600 un monastero benedettino e una chiesa dedicata alla Madonna di Bismantova.

Ok. Lo sapevi. Ma sai anche che il gigantesco albero che si trova proprio davanti all’ingresso della chiesa è un Acero opalo?

Una specie di acero davvero poco diffusa in Italia. E quello della Pietra di Bismantova ha un’età di circa 500 anni.

Con una circonferenza attorno i 3 m e un’altezza di circa 20 m, è stato recentemente inserito nella lista degli Alberi Monumentali della Regione Emilia Romagna.

Riconoscendo così il suo valore naturalistico, storico e culturale.

Eremo di Bismantova e Acero monumentale

3. Campo Pianelli e il sito archeologico

Terza curiosità: lo sapevi che alla Pietra di Bismantova è stato ritrovata un’importante Necropoli dell’età del Bronzo?

Il sito archeologico si trova a Campo Pianelli: un largo pianoro sul lato nord-orientale della base della Pietra. Ed è raggiungibile attraverso un semplice sentiero.

Qui troverai una serie di pannelli che spiegano la storia degli scavi e degli importanti ritrovamenti. E potrai avere un’idea di cosa hanno trovato gli archeologi grazie alla ricostruzione delle tombe a pozzetto.

Si tratta di tombe ad incinerazione: i defunti venivano cremati su una pira e poi deposti in urne all’interno di pozzetti rivestiti da lastre di pietra.

All’interno dell’urna, insieme alle ceneri, erano deposti anche oggetti di ornamento, alcuni anche molto preziosi. Puoi vedere le tombe originali e i corredi ai Musei Civici di Reggio Emilia.

Sito archeologico di Campo Pianelli

4. Una ricca rete sentieristica anche per famiglie

Sentieri, ferrate e tiri di arrampicata: sono davvero tanti i modi per salire sulla Pietra di Bismantova. Ma ci sarà qualche percorso adatto alle famiglie?

Quarta curiosità: ci sono almeno tre percorsi che puoi fare con i bambini a tre diversi livelli di difficoltà (intesa per i bambini):

  • PERCORSO FACILE (che non raggiunge la sommità): con i più piccoli, parcheggia l’auto a Fontanacornia e segui il sentiero nel bosco fino all’Orto dei Frati. Un boschetto super adatto al gioco in Natura (percorso dettagliato in questo articolo)
  • PERCORSO MEDIO: percorso andata e ritorno (sentiero CAI 697 – SSP) che sale nel bosco proprio dietro al bar ristorante Il Rifugio della Pietra e raggiunge la sommità in circa 1 ora (2 km sola andata, +/- 150 m di dislivello). Bambini dai 5/6 anni sempre affiancati da un adulto. In alcuni punti il sentiero è esposto e in altri sale ripido a gradoni.
  • PERCORSO DIFFICILE: percorso ad anello che parte dall’Orto dei Frati sotto la Foresteria. Inoltrandovi nel bosco, sul sentiero CAI 697, raggiungerete prima il sito archeologico di Campo Pianelli e poi la sommità. La discesa avviene sul percorso medio sopra descritto. Bambini dai 7/8 anni; lunghezza circa 5 km con circa +/- 250 m di dislivello.
I sentieri per famiglie della Pietra di Bismantova

5. Vieni a scoprire la Pietra di Bismantova con un ArcheoTrekking!

Se vuoi scoprire tutti questi luoghi incredibili della Pietra di Bismantova insieme ad una Guida Ambientale Escursionistica, ecco la quinta curiosità:

ArcheoVea Impresa Culturale promuove, in collaborazione con l’Associazione Guide Ambientali Escursionistiche Altri Passi, la fruizione del sito archeologico di Campo Pianelli e la scoperta dei sentieri di Bismantova.

Le Guide di Altri Passi (di cui anche io faccio parte) sono disponibili ogni weekend per visite guidate con partenza dal Centro Visite Laudato Sì (all’Eremo). E propongono eventi e laboratori dedicati all’Archeologia e al Trekking per diverse fasce di età.

In queste occasioni potrai passeggiare sui sentieri della Pietra con una Guida esperta che potrà raccontarti tante curiosità archeologiche, geologiche, botaniche e naturalistiche di questo incredibile luogo reggiano!

Visita la pagina Instagram di Altri Passi per rimanere aggionat* sulla programmazione. O scopri i prossimi eventi per famiglie organizzati da me per ArcheoVea alla Pietra di Bismantova in questa pagina.

Visite guidate alla Pietra di Bismantova

Quante di queste curiosità conoscevi già?! Ce ne sono altre che vuoi condividere?

Se sei alla ricerca di altre Avventure nell’Appennino Emiliano, ti consiglio Trekking in Appennino Emiliano per Famiglie. La mia Guida Digitale che racchiude ben 15 itinerari semplici in Natura con bambiniPer sapere di più sulla guida e su come averla, leggi qui.

Buone Avventure!

Terry

Terry

Guida Ambientale Escursionistica, Blogger e Mamma. Vieni con Me all'Avventura!
Scopri le Prossime Escursioni a Calendario: clicca qui sotto!

View stories

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *