• Menu
  • Menu

DISCLAIMER

Andiamo all’Avventura nasce dalla mia passione per la Natura e dalla mia voglia di trasmettere questo mio interesse agli altri, facendo loro scoprire alcuni dei luoghi meravigliosi che ho avuto la fortuna di visitare.

Tuttavia è bene ricordare che tutto il materiale che trovate su questo blog deriva dalla mia esperienza diretta e dalle mie opinioni personali di appassionata e non di guida escursionistica esperta.

Quindi se vorrete intraprendere una delle esperienze qui descritte ricordate sempre che:

  • I giudizi su tempi e difficoltà delle escursioni sono una mia opinione personale, data dalla mia diretta esperienza. Tutto è calibrato sulle esigenze dei bambini o di genitori che trasportano bambini in passeggino o sulle spalle. Ma ognuno di noi ha un diverso grado di preparazione atletica che potrebbe quindi comportare discordanze.
  • Ogni articolo ha lo scopo di dare spunti e idee per giornate in famiglia in mezzo alla Natura, ma per quanto dettagliate, è sempre bene consultare gli Uffici del Turismo Locali o guide escursionistiche certificate per accertarsi che le condizioni non siano variate. Sempre per lo stesso motivo, questo sito non deve intendersi come sostituto ad una guida turistica, ma solo come condivisione di esperienze personali.
  • Inoltre, tengo a sottolineare che non posso garantire l’esattezza, la completezza e l’affidabilità di tutti i contenuti disponibili, in quanto non sono tenuta ad aggiornarli in base a chiusura di strutture (museali, di ristorazione o pernotto), variazioni di orari e giorni di chiusura dei musei o cambiamenti sui sentieri dovuti a manutenzione o eventi naturali.
  • Non sono quindi obbligata a rimuovere dal blog o aggiornare in modo repentino i contenuti non più attuali in quanto essi non si sostituiscono a quelli riportati sui siti ufficiali delle strutture, enti del turismo, ristoranti, ecc…
  • A conclusione, la sottoscritta non si assume responsabilità giuridica per l’uso delle informazioni che troverete su questo blog: danni o incidenti che possono verificarsi lungo i percorsi sono responsabilità personale dei passeggiatori.

Concludo dicendo che ognuno di noi deve rispettare le proprie possibilità fisiche e il proprio livello di preparazione atletica. In ogni occasione in cui non vi sentiate sicuri delle vostre capacità o della situazione ambientale circostante tornate indietro.

Camminare in montagna significa anche rispettare alcune accortezze specifiche:

  • Controllate sempre le condizioni meteorologiche e ricordate che in montagna il tempo può variare improvvisamente. Per questo non siate mai sforniti di ombrello, mantella o k-way e parapioggia da passeggino in caso ne abbiate uno.
  • A proposito di quest’ultimo, tutti gli itinerari consigliati per passeggino intendono un passeggino da trekking sicuro, con freno a maniglione, ruote ammortizzate e braccialetto d’emergenza.
  • Abbigliate voi e i bambini in modo consono all’altitudine, alla stagione e al tipo di escursione. Ricordate che sui sentieri sono sempre consigliabili i pantaloni lunghi e gli scarponi alti. Attrezzatevi con i giusti ricambi nello zaino, anche per cambi di temperatura.
  • Organizzatevi sempre con scorte sufficienti di cibo ed acqua. Ricordate che i bambini durante lo sforzo fisico potrebbero necessitare di qualche spuntino energetico in più. Prediligete frutta fresca o secca, succhi, barrette o biscotti.
  • Non dimenticate mai un kit di primo soccorso: ne esistono anche di già composti. L’importante è avere con sé garze sterili, cerotti (anche per le vesciche) ed eventualmente punti adesivi, disinfettante o garze disinfettanti, ghiaccio secco, dopo puntura per insetti e pinzette per le zecche.
  • Ultimo, ma non meno importante: rispettate l’ambiente. Non dimenticatevi che è la Natura che vi sta ospitando e non il contrario. Evitate urla e schiamazzi che potrebbero disturbare gli abitanti del bosco. Non gettate i vostri rifiuti sui sentieri, non usate i boschi come bagni personali, partite sempre con qualche sacchetto del pattume in cui buttare fazzoletti, residui plastici o alimentari. Si può visitare un luogo senza lasciare traccia del proprio passaggio. O lasciandolo migliore di come era prima della nostra visita.