• Menu
  • Menu
#appenninoitinerante: il nostro turismo di prossimità

#APPENNINOITINERANTE: IL NOSTRO PROGETTO DI TURISMO DI PROSSIMITÀ

In quest’ultimo periodo si è tanto sentito parlare di turismo di prossimità, di valorizzazione del territorio e di riscoperta dell’Italia. Oggi vorrei raccontarvi qual è il nostro contributo e com’è nato questo progetto.

Sono passati ormai 5 mesi dall’inizio di questa pandemia e ancora non mi sono presa il tempo di mettere nero su bianco ciò che ha significato per me. Quali cambiamenti ha portato nella mia attitudine alla vita.

Le prime emozioni che ho provato sono state la preoccupazione e l’angoscia. Per essere soggetti a qualcosa fuori dal nostro controllo. Per poter essere io stessa involontariamente causa del male di qualcun’altro.

Poi è arrivato il lock down e fortunatamente noi l’abbiamo vissuto tutti e tre a casa. Ed è stato quasi come conoscersi davvero per la prima volta.

Le giornate sono trascorse pressoché tutte allo stesso modo: sveglia, colazione tutti insieme, giochi con mamma la mattina, preparazione del pranzo, consumato rigorosamente in veranda. Pomeriggio col Papà: le piste del treno o le suonatine con la chitarra, mentre io iniziavo ad abbozzare il progetto del blog.

Lock down in famiglia

Poi di nuovo a cucinare insieme, aperitivino in video chat con amici o parenti, cena in veranda, tempo permettendo.

Guardando il sole che si appisolava dietro ai tetti delle case ogni sera ci trovavamo a dirci: “Sembra ieri che eravamo qui a cenare… Anche oggi è volata.”

I giorni continuavano a volare serenamente e piacevolmente. Ma dentro di me iniziava ad insinuarsi un bisogno insoddisfatto: l’asfalto iniziava a soffocarmi, avevo bisogno di respirare la Natura e di sentirmi di nuovo a contatto con la Terra.

Così, insieme a Nicolò, abbiamo iniziato a trovare conforto nei piccoli dettagli dei nostri 200 m attorno a casa: le spine delle rose, il muschio che cresce sulle cortecce, le diverse rugosità dei tronchi degli alberi. Fino ad ammirare l’audacia del piccolo piscialetto che cresce rigoglioso tra l’asfalto.

La bellezza e la semplicità della Natura

Mai come allora ho sentito il bisogno di sdraiarmi su un prato.

E così mi sono ripromessa che, finita questa emergenza, avremmo ritrovato più tempo per onorare la bellezza della Natura che ci circonda, anche nella sua semplicità. E che avremmo continuato a prenderci dei momenti solo per noi tre.

Così è nato Andiamo all’Avventura. Da una famiglia che, rinchiusa tra quattro mura e circondata da case e cemento, ha sentito ancora più forte dentro di sé il richiamo della Scoperta.

Che ha capito che non serve andare lontano per provare Stupore o Appagamento. Ma che basta guardare il mondo con occhi attenti e curiosi per poter apprezzare davvero a pieno ciò che ci circonda.

Conoscete quella canzone che dice:

Perché niente è cambiato

anche se tutto sembra diverso…

UNIVERSO – Cristina Donà

Come se gli occhi avessero davvero incominciato a Vedere, come se tutti i nostri sensi si fossero magicamente acuiti.

#appenninoitinerante: turismo di prossimità in Emilia

Lo abbiamo chiamato #APPENNINOITINERANTE. Un progetto di turismo di prossimità, alla scoperta delle meraviglie delle nostre montagne: 12 giorni, 4 angoli di Appennino Tosco emiliano, 12 avventure.

Pronti a seguirci ancora una volta alla scoperta?

Per incominciare qui trovate l’articolo sul nostro itinerario con i link alle strutture in cui abbiamo alloggiato. A seguire gli approfondimenti.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *